giovedì 15 settembre 2016

a Nunzio Rotondo - There Will Never Be Another You


Se non capite cosa intendo dire, non vi preoccupate, è normale, siete di questo mondo.
Lui no.

Nunzio era venuto da un altro mondo... da un universo fatto di Poesia, Amore, Fratellanza, Rispetto e Creatività. Non può essere lo stesso, no?


Se ancora non mi comprendete, non vi rammaricate, dico davvero, ma alzate gli occhi al cielo.

Nunzio è quella stella luminosa e cangiante che, per una strana e rarissima anomalia celeste, è scesa tempo fa sul nostro piccolo pianeta ed oggi è tornata a casa, nel mondo che più gli si addice.


Non vedete che il cielo sta' per piangere di gioia per il ritorno del suo figliolo prediletto? 

Se ancora non vi ci raccapezzate, allora per voi non c’è speranza.


******************
Nunzio Rotondo
12 Dicembre 1924 - 15 Settembre 2009


lunedì 12 settembre 2016

Kamasisì Kamasinò

ovvero, la situazione del jazz italiano prima e dopo Paolo Fresu


Molti anni fa, fu dato alle stampe un libro autoprodotto dallo stesso autore con il titolo “Storia del Jazz Moderno Italiano – i Musicisti”. 

Io, come sempre affamato di schede biografiche e di discografie sul jazz suonato ed inciso nel nostro Paese, all'epoca l’ho cercato con avidità e, una volta trovato, mi sono appassionato più alla manciata di pagine introduttive che al resto del libro (che comunque ho utilizzato spesso per le mie ricerche).


Questo perché Arrigo Zoli decise di spiegare l’origine e la veridicità del suo lavoro (240 schede biografiche e più di 100 pagine di discografia) con 12 tabelle statistiche iniziali, in cui profilava e classificava una serie di aspetti concreti de “i Musicisti”, che andavano dall’età media alla provenienza geografica, dalla formazione musicale alla cultura personale extramusicale, dalla classificazione in Jazzisti, Professionisti-Jazzisti e Professionisti alla delicata questione dei guadagni dei musicisti e via discorrendo, non trascurando nemmeno l’Astrologia.


A questo punto, direte voi, cosa c’entra il titolo di questo post, cosa c’entra Kamasi Washington e cosa c’entra Paolo Fresu???
Lo ammetto, il titolo è un pretesto (ma non pretestuoso, per cui si astengano Troll, Haters e Webeti) ma di affinità ce ne sono…

Ad esempio, le energie dedicate nel valutare la musica di Kamasi come sincera o bufala, potremmo dedicarle ad altro di più utile e concreto, tipo il rapporto che corre tra passione personale e distribuzione globale? o alla necessaria analisi sul perché sia “normale” adeguare il proprio linguaggio ai tempi per rendere un prodotto creativo un veicolo più efficace di comunicazione (lo stesso dicasi per quanto riguarda l’innesto Hip-Hop sul disco di Lehman, se è più o meno coerente di quello rap su “On The Corner” di Miles e bla bla bla)?;
Allo stesso tempo è inconfutabile il fatto che Paolo Fresu possa essere considerato uno spartiacque nel jazz italiano, non solo perché “Ostinato” – primo disco a nome del Quintetto di Paolo - usciva nel 1985, stesso anno di stampa del libro di Zoli, ma perché se è innegabile il lavoro di Fresu in termini artistici, bisogna ammettere che è encomiabile anche il suo impegno in termini di progettualità e visibilità di questa musica, nel mondo e tra le istituzioni, a volte a discapito della più pura analisi musicale.


E quindi, direte voi?!?
E quindi nulla, rispondo io, che da appassionatucolo che tiene in piedi un vecchio blog più tirandolo per i capelli che per costruttiva proposta, che solo raramente ha incrociato le vie istituzionali dell’argomento - come per il Top Jazz o per la curatela del libro Jazz Inchiesta Italia di Enrico Cogno – avrei solo il desiderio di leggere un aggiornamento di questi dati, un nuovo approfondimento di questa analisi – visto che negli ultimi trent’anni il panorama è mutato notevolmente – e nient’altro.

Ma se io fossi un critico a tempo pieno, un musicista professionista, un serio addetto ai lavori beh, io troverei doveroso e necessario conoscere lo stato della mia sfera lavorativa, i miei diritti, il posizionamento economico rispetto ai colleghi comparabili, le opportunità future in proiezione e quant’altro.


Per esempio Zoli documenta che, suddividendo i musicisti per tipo di formazione si ha la seguente distribuzione (su 240 musicisti “indagati” nel libro):
- prevalentemente autodidatti                      74, corrispondenti al 30,8%
- ricevuto lezioni private                               72, corrispondenti al 30,0%
- diplomati in Conservatorio                        42, corrispondenti al 17,5%
- frequentato Conservatorio o equiv.          52, corrispondenti al 21,7%

Situazione che oggi è sicuramente cambiata, se non ribaltata, ma quali sono i dati voi lo sapete?


Oppure, rispetto a quanto guadagnano i musicisti di jazz, dice: 
«Le fonti sono: i concerti, le serate nei clubs, i dischi, i seminari, l’insegnamento nelle scuole di jazz, le collaborazioni radiotelevisive, l’attività di dimostratore, eventuali pubblicazioni.
- I concerti-serate (teatri, festivals, ecc) sono per un musicista affermato la fonte principale di reddito; circa la loro frequenza annua (nell’ultimo periodo) ritengo il quadro seguente sufficientemente prossimo al vero: una decina riescono a superare il centinaio di date, 20/30 si attestano tra i 50 ed i 100 concerti, i rimanenti si muovono in un arco che va dai 10/20 al massimo ai 50; il cachet per un concerto si aggira mediamente dalle 100.000 alle 250.000 ( da ca 130€ a ca 320€, secondo la tabella comparativa de “Il Sole 24 Ore”), in funzione della notorietà del musicista con qualche eccezione per particolari manifestazioni.
- Le serate nei clubs, in genere utili per tenersi in esercizio, per provare relazioni con nuovi musicisti o nuovi brani: quando l’attività ha una cadenza settimanale, può rappresentare un discreto arrotondamento; i cachets vanno dalle 15.000 alle 40.000 lire (da ca 19€ a ca 51€).
- Il disco, a differenza delle fonti precedenti, è un argomento ad alto grado di variabilità, nel senso che non sono normalmente previsti cachets più o meno standard, almeno per i musicisti italiani; ogni disco è un fatto a sé: c’è il musicista che incassa una cifra forfettaria, che non supera di norma l’ordine di alcune centinaia di migliaia di lire, c’è quello che riceve in cambio un certo numero di copie del disco inciso e c’è quello, in genere, che deve garantire l’acquisto di un quantitativo di copie, se non anche pagare i colleghi sidemen, per rifondere il discografico di parte o di tutte le spese di registrazione e di stampaggio [...]».


Allora io mi domando: è ancora attuale questa indagine? Ci siamo evoluti, come è lecito che sia? I gestori dei locali e/o direttori dei Festival garantiscono la sostenibilità del circuito e, soprattutto, mantengono le promesse oppure non pagano, come si legge spesso? La SIAE, che ultimamente sembra essere tornata ad essere parte integrante del discorso culturale, ancorché produttivo, tutela i giovani musicisti o, a parte i venerati Maestri, lo fa sulla carta, come fa l’INPS per i lavoratori salariati?


Ecco, di questo non sento mai parlare, eppure dovrebbe essere importante quanto parlare di rifiuti a Roma, di Razzi&Rengi, di burkini o camicie della Coop… e guardate che il tema è trasversale e sfaccettato più di quanto immaginiamo, perché abbraccia chi recensisce dischi, chi produce libri, chi cura i rapporti con la stampa e bla bla bla, non solo nel ristretto orticello del jazz, ma in tutta la professione culturale, ed invece noi lì a parlare di Kamasisì Kamasinò


Che fare allora? Io cerco sempre, ma ricordo di trovare poche cose così dirette e necessarie, tipo l’Inchiesta sui Festival che apparve su AAJ (purtroppo sparita con la nuova veste del sito) a firma di Enrico Bettinello (oramai penna tra le più influenti del panorama culturale e da sempre comunicatore interessantissimo), qualche domanda indagatrice ed un po’ più spigolosa (e quindi quasi sempre abilmente schivata) da parte di Nicola Gaeta sul suo “Una Preghiera tra Due Bicchieri di Gin” e cos’altro?

Magari sono io che sto perdendo colpi rispetto alla mia memoria, ma vi prego di aiutarmi se così fosse…


In un momento in cui il jazz (madoòo, l’avrò scritta cento volte ‘sta parola…) si allarga a macchia d’olio nel mare magnum culturale, la professione è più trasparente e permeabile di prima o rimane sempre inquinata dalla legge del profitto, dal residuo comodo/funzionale del dilettantismo e dalla sfegatata passione per cui si fa tutto a gratis?


La MIDJ, ora che è finalmente guidata da una donna, riuscirà a gestire i diversi temi contemporaneamente con la forza e l'eleganza tipica di Ada, o dovrà pagare pegno ad una cultura maschilista che si appropria dei diritti e si dimentica dei doveri?


L’editoria di settore, sparuta in due riviste ufficiali (più l’ultimo Classic arrivato), si porrà anche - e finalmente - come strumento di verifica e di controllo della produzione artistica o resterà ai margini della faccenda per non giudicare e quindi non rischiare?


C’è la totale mancanza di una cultura del lavoro culturale in Italia (per non parlare di una coscienza di classe), dice Christian Raimo in un "vecchio" ma pur sempre attuale testo sull’editoria con uno splendido titolo.

Io dovrei quindi essere contento di fare un altro lavoro, o continuare a cercare come cambiare le cose?


*******************************************
Tutte le immagini sono di

lunedì 6 giugno 2016

(to be continued...) Mario Schiano, Giancarlo Schiaffini, Bruno Tommaso - Gruppo Romano


Io non so voi cosa cercate quando navigate in rete... certo, immagino un'occasione per sapere cosa c'è da fare in città, uno spunto per mostrare con un click una comune passione o anche solo un giro distratto del web per perdere tempo.
Io infatti, che mi rispecchio in questa forma virtuale nei profili accennati dai vostri passaggi, non conosco tutti i vostri interessi e tantomeno li inseguo, eppure spesso mi sono chiesto se questo blog sia destinato a vivere nella ricchezza di un corale colloquio elettronico o a morire nell'ombra sintetica ed alternata della partecipazione a senso unico.


Sì, perché il motivo per cui pubblico sempre più raramente è da ricercarsi nella mancanza di pura conversazione improvvisa ed immediata, nella carenza di incontri, affiancati o contrari ai miei percorsi, che arricchiscano una collettiva intenzione di ricercare sentieri di consapevolezza che non siano quelli già tracciati ed assicurati.
O, intendiamoci, magari il problema è tutto mio, fatto sta che non mi incuriosisce più il consueto botta e risposta da 140 caratteri o la ripetizione, in mille sfumature di grigio, della stessa notizia funerea o festosa. Addirittura mi infastidisce oggi l'incapacità d'intenderci al primo colpo con decine di appassionati che da tempo hanno scelto una forma simile, eppur diversa dalla mia, per poter rappresentare una comune passione.


Boh, magari sto solo invecchiando e, come consuetudine, mi sto inacidendo, però è grazie ad incontri come questo che ancora non mi sono fatto saltare gli Hard Disk. A voi invece cosa vi tiene vivi?
(to be continued...)

Art by David Lapham

«Come tre cospiratori, suonando assieme s'intendono per cenni; non serve loro partitura alcuna, il dialogare del Trio e quello comune col silenzio conduce la musica lontano dai manierismi del genere, lungo sentieri inediti che prendono le mosse dalle idiosincrasie di ciascuno di loro, in un indeterminato fluttuare che compone e decompone continuamente figure sonore che mai restano»

Giampiero Cane, dalle note di copertina


Credits:

Label: Discoteca di Stato
Catalog#: CD DDS 98-1

Country: Italy
Recorded in Rome, at the Discoteca di Stato on February 21st 1998,
for the anniversary of the Mario Schiano's first jazz concert

Mario Schiano (alto & soprano saxes),
Giancarlo Schiaffini (trombone),
Bruno Tommaso (bass)



Tracklist:


1. Until Now - 1'38"
2. Tendency - 3'42"
3. Proneness - 6'18"
4. And The Others Two? - 2'20"
5. Bent - 4'26"
6. Leaning - 4'38"
7. Self Appreciation - 6'58"
8. Henceforth - 11'30"
9. (to be continued...) - 0'37"


domenica 8 maggio 2016

Massimo Urbani _ MAX LEAPS IN _ 1983

[photo by Roberto Masotti]

Di Massimo Urbani commemoriamo spesso la morte per affermare meglio il binomio genio/sregolatezza,
dell'incontro con Mike Melillo conosciamo solo l'intimistico "Duets For Yardbird", perché ci strugge l'anima e, quindi, gli calza a pennello,
della coraggiosa passione di Paolo Piangiarelli in pochi ne serbano memoria ed ancora meno gli rendono il dovuto merito,
di Tullio De Piscopo la gente ricorda se va bene "Andamento Lento" o le sue risonanze pop con appena un q.b. di jazz,
e di questo blog non se ne ricorda più nessuno, nemmeno io che per primo lo stavo lasciando morire...

[Birth of Earth _ Art by Jean-Michel Basquiat]

Questa registrazione invece è un inno alla vita ed è anche l'occasione per scoprire che, oltre alle sonorità note di Charlie Parker, Cole Porter o Ray Noble, Massimo Urbani abitava con assoluta sintonia anche la poetica musicalità di Thelonious "Sphere" Monk.

Questo disco non è una fottuta commemorazione postuma del suo compleanno, questo è un cazzo di regalo per voi (e Piangiarelli con il suo immenso amore mi perdonerà).
Poi, se non lo vorrete ascoltare o se non lo apprezzerete fa lo stesso... Massimo è sopravvissuto pure alla sua morte, lui sicuramente non ne soffrirà.


Massimo Urbani (Roma, 8 maggio 1957 – Roma, 24 giugno 1993)


[photos by Carlo Pieroni]

Credits:

Label: PHILOLOGY
Catalog#: W  181.2 (Cd, 2006)

Country: Italy
Recorded: Live al “Teatro Rossini”, Civitanova Marche, 
il 24 settembre 1983

Massimo Urbani (as); Mike Melillo (p); 
Massimo Moriconi (b); Tullio De Piscopo (dr); 



Tracklist:
1. Lester Leaps (L. Young) 5’31”
2. Sophisticated Lady (D. Ellington) 7’41”
3. Scrapple from the Apple (C. Parker) 8’26”
4. Light Blue (T. Monk) 7’44”
5. I Love You (C. Porter) 8’49”
6. Blue Monk (T. Monk) 12’42”
7. Night in Tunisia (D. Gillespie) 10’40”
8. Cherokee (R. Noble) 8’38”

Massimo Urbani 4tet _ Max Leaps In _ Part Two



martedì 19 gennaio 2016

MIDJ meeting: “Il jazz nel panorama giornalistico, editoriale e dell’informazione (dalla Tv ad Internet)”


Preso dall'impeto dell'associazionismo, ieri sono andato alla Casa del Jazz per l'incontro del MIDJ (Musicisti Italiani di Jazz) su “Il jazz nel panorama giornalistico, editoriale e dell’informazione (dalla Tv ad Internet)”, con qualche perplessità e molte aspettative.

Le perplessità nascevano dal fatto che, da semplice appassionato, avevo letto da sempre della "lotta intestina" (e del difficile equilibrio tra criticare e valorizzare) in essere tra i media ed i musicisti jazz. Ci avevano già provato il 22 settembre 1969 Giorgio Azzolini, Gianni Basso, Franco D'Andrea, Francesco Forti, Giorgio Gaslini, Carlo Loffredo, Dino Piana, Marcello Rosa, Umberto Santucci e Oscar Valdambrini, soci fondatori della U.I.M.J. (Unione Italiana Musicisti di Jazz); poi di nuovo, nell'Aprile 1989, tentarono la strada del'associazionismo Eugenio Colombo, Furio Di Castri, Paolo Fresu, Maurizio Giammarco, Enzo Nini, Roberto Ottaviano, Cinzia Spata, Pietro Tonolo e Tino Tracanna, quando promossero l'A.M.J. (Associazione Musicisti di Jazz). Su entrambi i naufragi pesava forte l'ombra della poca considerazione della RAI, incarnata nel bene o nel male nella figura di Adriano Mazzoletti.


L'aspettativa invece, oltre che per la nuova creatura MIDJ finalmente guidata dall'intelligenza e dalla sensibilità di una donna (Ada Montellanico), era generata dalla lista dei relatori dell'attuale incontro, che apriva proprio con Adriano Mazzoletti, oltreché Alceste Ayroldi, Fabio Ciminiera, Luca Conti, Gerlando Gatto, Vincenzo Martorella, Marco Molendini, Pino Saulo e Luciano Vanni. Su tutti, il coordinamento fiduciario di Luigi Onori.


Quasi cinquant'anni e pochissimo ricambio tra le fila non annunciano grosse novità (a meno che per novità non intendiamo internet, oramai più che maggiorenne nel panorama dell'informazione), pensavo, ma mai chiudere del tutto una porta, soprattutto se nella stanza c'è aria di chiuso. Per questo ieri sono andato, nonostante il freddo ed il traffico della Colombo alle ore 18:00.


Devo dire che molti sono stati i punti d'interesse, ma meno gli spunti interessanti, e che per quasi due terzi del tempo ho visto affrontare problemi antichi con vecchie  idee. Per dovere di cronaca dirò che Ayroldi, Martorella e Luca Conti erano assenti giustificati.
Mazzoletti ha parlato molto della Radio che fu, delle sue esperienze come direttore di Blue Jazz, del Bureau du Jazz ed infine ha girato alla platea la domanda cruciale: "perché la RAI non trasmette il jazz sui canali principali?". La sua cosa più interessante è stata la conferma della lavorazione del terzo libro su "Il Jazz in Italia", che dovrebbe coprire l'arco dal 1960 ad oggi e che, una volta per tutte, ci farà capire cosa pensa Mazzoletti della musica più contemporanea, a partire dalla figura di Mario Schiano.
Il tema web è stato affrontato quasi interamente da Gerlando Gatto, persona e giornalista che merita tutto il mio rispetto ma non propriamente il profilo migliore per parlare delle nuove e futuribili possibilità della rete (classe '46).
Luciano Vanni è stato il rappresentante più innovativo e votato alla propositività, con il suo JAZZiT che è già orientato alla multimedialità dei contenuti e che nel prossimo numero si occuperà di Frank Sinatra (personaggio in copertina di Musica Jazz a dicembre). Peccato solo che la sua pregevole rivista abbia deciso già da tempo di restringere ad una limitata manciata di collaboratori (anche internazionali) la visione approfondita dei temi centrali, perdendo in multidirezionalità.
Poi è intervenuto Tatarella come editore di Musica Jazz, ma credo fosse Marco e non Fausto, e non ricordo molto altro.


Nessuno ha affrontato la questione estetica, centrale nell'arte della critica che quando diviene acritica, perde la sua ragione di essere;
Nessuno ha proposto di creare una rete di programmazione dei locali, per permettere una condivisione dei costi ed un'eco mediatica continuativa e di sponda (anziché una frammentazione random della già debole proposta);
Nessuno ha proposto una soluzione per accorciare i tempi oramai elefantiaci dell'editoria periodica, che rendono inutili la maggior parte delle anticipazioni dei concerti e, nonostante la presenza di Marco Molendini, nemmeno delle pagine culturali dei quotidiani si è riusciti a fare un ritratto ragionato, chiosando con l'affermazione che, per problemi tecnici, le recensioni dei concerti sui giornali non "tirano" più;
Nessuna proposta di coalizione tra i giornalisti iscritti all'albo per fare base e trasmettere, nonostante le scontate resistenze, le stesse istanze di contenuti ai caporedattori delle maggiori testate giornalistiche;
Nessuno ha affrontato il tema delle collaborazioni sottopagate (quando va bene) o più comunemente a gràtisse nell’editoria musicale;
Nessuno ha ragionato sulla necessità di una ricognizione più capillare della situazione, per permettere a realtà come il 28DiVino, il B-Folk, il Monk o il Jolly Roger (giusto per fare quattro nomi) di condividere le stesse possibilità promozionali riservate all'Auditorium, dal momento che la programmazione gode della stessa qualità della proposta e, anzi, di una più spiccata novità dell'offerta;
Nessuno si è fatto portavoce di un'eventuale mozione civile per richiedere a gran voce la circolazione dei tesori culturali nascosti negli scrigni della RAI o per supportare economicamente progetti più d'avanguardia;
Nessun tentativo trasversale per cercare di connettere la musica jazz agli altri eventi culturali, non solo in forma di kermesse spettacolo ma, soprattutto, per condividere spazi dedicati alle Arti (Musei, Gallerie, Teatri).
Si è appena accennato ad un eventuale sostegno concreto delle produzioni "minori", ma nessun accenno si è fatto per le nuove modalità produttive, che in seno ad un'associazione sembrano essere lo strumento ideale;
Ad un certo punto ho sentito che la RAI dovrebbe "sparare nel mucchio" per alfabetizzare la massa, e ricordo l'eco di nomi come Louis Armstrong, Miles e perfino Coltrane... ma forse mi ero distratto con l'i-phone.


Poi c'è stato un barlume che ha risvegliato la mia attenzione, quell'ultimo terzo che lascia presagire se non una via, almeno un'indicazione di viaggio... L'intervento di Pino Saulo ha riportato lucidità e speranza, raccontando quello che, ad orecchie curiose ed attente, è ancora fruibile in radio, a cominciare da Battiti; interessante anche la sua "provocazione" rispetto al sold-out del concerto romano di Kamasi Washington che, ovviamente, quasi nessuno ha raccolto;
Fiorenza Gherardi De Candei (dalla platea) ha provato a farci ragionare sull'efficacia dell'attuale messaggio promozionale/culturale, che si deve aggiornare per poter arrivare al grande pubblico, tentando di spostare l'attenzione dalla forma (internet) al contenuto (interesting);
Ada ha condiviso il sentimento di forza e di appeal di certe proposte con esempi concreti (L'Aquila con 60.000 persone), ha apertamente responsabilizzato i necessari partner per l'assenza di una corretta informazione (Stampa e TV) ed ha annunciato alcuni prossimi temi tosti quanto interessanti (Lavoro e Previdenza);
Pasquale Innarella ha dato il suo contributo di persona modesta e di artista straordinario (l'unico che ha raccolto il tema Kamasi), cercando di stimolare unità d'intenti e spirito collaborativo;
Luigi Onori ha concluso dichiarando necessaria una nuova inchiesta, non sui contenuti artistici alla stregua del Top Jazz ma sugli aspetti etici, produttivi e sociali di questa musica, sullo stile di "Jazz Inchiesta Italia" di Cogno (che già si faceva queste domande quando il jazz italiano era ancora immaturo), per ripartire almeno da una chiara consapevolezza.


Insomma, ieri sono andato alla Casa del Jazz per l'incontro del MIDJ (Musicisti Italiani di Jazz) su “Il jazz nel panorama giornalistico, editoriale e dell’informazione (dalla Tv ad Internet)”, e sono tornato a casa con qualche perplessità e molte aspettative. Avrei avuto piacere nel vedere un palcoscenico più variegato, perché ieri non c’erano Francesco Martinelli, Enrico Bettinello, Franco Bergoglio, Stefano Zenni, Luca Canini, Federico Savini, Mario Gamba, Neri Pollastri, Marco Buttafuoco, Nicola Gaeta, Luca Collepiccolo, Daniela Floris, Sergio Pasquandrea, Roberto Dell’Ava, Sandro Cerini… e sono solo i primi nomi che mi vengono in mente e non ci raccontiamo la storia delle distanze, che anche un semplice collegamento a Skype avrebbe comunque fatto la sua parte! In ogni caso oggi aderirò a MIDJ perché, nonostante tutto,  ce ne fossero di occasioni per interrogarci...


[Art by Albrecht Dürer]

mercoledì 16 dicembre 2015

HOODOO BLUES & ROOTS MAGIC _ "le mie radici sono nel mio giradischi"

ovvero, Meno Pippe e Più Blues !


Qualche anno fa la Atavistic Records promuoveva la sua serie di ristampe free jazz  (Unheard Music Series) con una t-shirt che riportava questa citazione di Evan Parker (My Roots Are in My Record Player), e non è un caso che sia riportata anche tra le dediche del lavoro dei ROOTS MAGIC, perché non era possibile trovare una frase migliore per aprire questo racconto.


E si, perché HOODOO BLUES mi ha ricordato tanto una di quelle "compilation" su cassetta che facevamo senza sosta quando eravamo vivi, come viatico dei lunghi viaggi avventurosi per adolescente oggettività, come pegno prezioso per gli amici più cari, come rimedio curativo alle prime delusioni d'amore, vere e proprie sequenze cucinate per le date speciali, musicali poesie per le prime ragazze cadute in amore...


Niente a che vedere con le sconfinate playlist che aggiungono solo varietà agli odierni distratti ascolti. Quello era un momento unico in cui la raccolta e l'ascolto dei dischi, la scelta delle tracce, la creazione della sequenza, la compilazione delle info ed anche di un'artigianale copertina sul piccolo cartoncino rendevano elettrico il più noioso dei pomeriggi o creativa la notte più insonne.


Certo, la differenza tra una di quelle cassette e questo disco è notevole: lì non c'era l'incanto di nuovi arrangiamenti, non c'era la sorpresa di ritrovare pezzi dimenticati e nemmeno la scoperta di pezzi nuovi accomunati dalla stessa fratellanza di respiro; c'era invece un pizzico di malinconico déjà vu già dal secondo ascolto, perché era solo la scelta dei temi e la loro correlazione a tenere in vita la magnetica creatura. Ma in entrambi c'è forse lo stesso piacere dell'ascolto puro, la necessaria condivisione come consolidamento dell'intesa, la volontà di decidere il mood del momento, il coraggio e l'orgoglio di mettersi a nudo senza troppe maschere. 


Alberto Popolla (clarinetti), Errico De Fabritiis (sassofoni), Gianfranco Tedeschi (contrabbasso) e Fabrizio Spera (batteria), suonano con maestria, avendo alle spalle una storia degna del massimo rispetto, nonostante l'attenzione alternata della più canonica critica musicale. Qui poi c'è pure magia e, in un mondo abbastanza piatto e schermato, non è cosa da poco.


Il progetto ROOTS MAGIC nasce a Roma nel corso del 2013 e, in questo primo lavoro per la Clean Feed (primavera 2014), i "nostri" non si bagnano semplicemente le mani nelle acque ispiratrici del Mississippi, fiume culla del blues, ma si tuffano nell'interno più sconosciuto e profondo, affondano senza paura i piedi nel fango limaccioso che costituisce il fondale della culla, si lasciano a volte trasportare dalla portante corrente ma, più spesso, fronteggiano lo storico flusso con un'energia contagiosa, rischiando persino il peggio e lasciando così che gli argini mentali si rompano sotto il flusso di una memoria musicale che traccia un'inedita mappa culturale. 


Battono, soffiano, accarezzano e colpiscono i ROOTS MAGIC, incuranti dei confini portano nuova linfa a vecchi brani che, attraversando la storia afroamericana, esondano in un nuovo territorio finalmente globale.
« Nella cultura afroamericana tradizione e tradizionale non vanno d’accordo. Nel jazz – e nella musica nera in generale – appartenere a una tradizione significa far parte di un continuum, riconoscere e omaggiare chi l’ha costruito, spingerlo in avanti rivedendolo, anche radicalmente », dice Antonia Tessitore sulle pagine di Internazionale.


"The HARD Blues", registrata da Julius Hemphill nella sessione che ha prodotto Dogon AD (febbraio 1972) e pubblicata solo tre anni dopo su Coon Bid'ness, apre HOODOO BLUES come una chiara indicazione più delle intenzioni di recupero necessario che dei contenuti musicali. Infatti, diversamente dall'approccio del quartetto di Hemphill, che in origine dilata in venti minuti l'esposizione delle materie prime della sua cultura senza remore tra ingredienti free come piatto principale, radici rhythm’n’blues speziate di Bebop tra gli aromi ed il blues meno canonico come perfetto contorno, la versione dei ROOTS MAGIC riparte dal pedale finale, capovolgendo il flusso in maniera più vicina all'incisione che lo stesso Hemphill ha lasciato su Fat Man And The Hard Blues della Black Saint, storica etichetta italiana di Giovanni Bonandrini, quasi vent'anni dopo la sua prima apparizione. 


Il flusso scorre poi su "UNITY" di Philip Cohran, uno dei fondatori della AACM e membro dell'Arkestra di Sun Ra, pubblicata col suo Artistic Heritage Ensemble nel 1967. A differenza dell'approccio afro-jazz in forma corale della versione originale (14 gli elementi presenti nell'Ensemble), quì è la dinamica tra i due fiati, che spesso s'intrecciano all'unisono e si scambiano i ruoli, ad indicare nel call and response la struttura originaria della musica afroamericana.


"The SUNDAY AFTERNOON Jazz and Blues SOCIETY", scritta da John Carter, è stata pubblicata nel 1970 su Self Determination Music, disco uscito per un'altra etichetta fenomenale: la Flying Dutchman fondata da Bob Thiele a New York nel 1969. Carter, forse uno dei musicisti meno ricordati della storia, in sette anni ha inciso 5 suites che compongono il polittico Roots and Folklore: Episodes in the Development of American Folk Music, a cominciare da Dauwhe (1982) inciso sempre per l’italiana Black Saint. Non credo io debba aggiungere altro per giustificare la scelta dei ROOTS MAGIC d'inserirlo in questo specifico contesto.


Blues for AMIRI B., firmata da Errico De Fabritiis, è una delle più intense dediche a quello che per me è il più importante Poeta de il popolo del blues: Ecco perché siamo il blu(es) / proprio noi / ecco perché noi / siamo il / canto / autentico // Così oscuro & tragico / Così vecchio & / Magico // ecco perché siamo / il Blu(es) noi Stessi // In tribù di 12 / misure / come le strisce / della schiavitù / sulla / nostra bandiera / di pelle” (Funk lore, 1993). 


Qui i fiati di Alberto Popolla e De Fabritiis si trasfigurano in rabbia, gioia e dolore, mentre le percussioni di Fabrizio Spera puntellano un profilo spirituale capace d'insinuare il più profondo dubbio al più incredulo degli scettici e Gianfranco Tedeschi, il musicista rivelazione per mia ignoranza, colora di emozioni semplici un assolo che è più un ritratto del Poeta ideale che un esplicito omaggio all'uomo Everett LeRoi Jones.


Potrei continuare all'infinito a raccontarvi i dettagli di queste tracce, che proseguono con "DARK was the NIGHT" (1928) di Blind Willie Johnson che abbraccia nell'ombra una rilucente "A CALL for all DEMONS" di Sun Ra (da "Angels And Demons At Play" - 1967), che sfiorano la tragica figura di Charley Patton in "POOR Me" (1934) e fanno "pogare" le coscienze in un ribollente "the JOINT is JUMPING" di Tedeschi; chiude il cerchio una alternative take de "The SUNDAY AFTERNOON Jazz and Blues SOCIETY", a ribadire l'importanza del profilo dimenticato del clarinettista texano.


Potrei continuare all'infinito, dicevo, nella ricerca di relazioni, nell'intento di documentare la storia che si dipana dietro una "semplice" scelta di titoli, ma sarebbe fare un torto alla bellezza dell'insieme, come sminuire la maestosa intensità di un'affascinante struttura focalizzandosi sul dettaglio...


Chi parla della musica, raramente riesce a raccontare dei significati più nascosti dalla superficie musicale e mai, o quasi mai, racconta se se l'è spassata all'ascolto, se non ha resistito e si è messo a ballare nel mezzo del salotto (ché ai concerti si è quasi sempre in quattro), se si è commosso fino alle lacrime e se la musica, insomma, gli è arrivata al cuore passando senza scorciatoie dallo stomaco.


Molto spesso le recensioni dei dischi si dilungano nell'analisi delle intenzioni progettuali, si perdono nella fredda compilazione della lista degli "assolo" o offrono più genericamente un'ulteriore premio alla carriera di un musicista/gruppo che sta a cuore al recensore o il claim concitato sull'enfant prodige del momento, oscillando schizofrenicamente dalla più equilibrata fotografia dell'evento, che termina senza dire nulla (modalità carta stampata), alla faziosa ed incondizionata "acclamazione o distruzione" dell'oggetto in questione (modalità web/forum).


Di solito ci perdiamo ed accaloriamo sulla padronanza tecnica dello strumento, sulla tanto paventata libertà espressiva iscritta nel DNA di questa musica (e cancellata in un attimo dalla limitante necessità di inserirla sotto una specifica etichetta), sulla paternità dello slang musicale a discapito del contenuto espresso... Pensare infatti a questo come ad un disco "semplicemente" di Blues è più che riduttivo, è fuorviante. Cercare nelle mie parole una fredda analisi musicale sarebbe tempo perso: io sono un dilettante, mi appassiono solo a ciò che mi emoziona davvero e racconto quello che non riesco a sognare.


HOODOO BLUES gira tutto sul tema del blues, sembrerà banale, ma se pensate alle 12 misure in cui si alternano i soliti tre accordi, beh, avete perso tempo a leggere queste pagine, perché qui si tratta di "un blues molto free", per dirla à la Mario Gamba, e per me questo è il disco TOP del 2015.


Ora i puristi penseranno "ma come fanno quattro ragazzi italiani a fare veramente del blues?", mentre la domanda giusta sarebbe: ma come mai un disco così bello lo si è dovuto stampare con un'etichetta portoghese?


[Photo and Art by Dave McKean]